Il presente articolo ha come obiettivo di presentare le proposte principali del Sinodo panamazzonico che verrà realizzato nel mese di ottobre 2019 a Roma. Viene individuato, come ispiratore del Sinodo, il documento di Santarém realizzato nel 1972, che vide riuniti i vescovi della regione amazzonica per indicare le future linee pastorali. Mentre negli anni ’70 si trattava di attualizzare le scelte pastorali indicate dal concilio Vaticano II e dal cammino della Chiesa latinoamericana emerse a Medellín nel 1968, il Sinodo di Roma intende porre al centro dell’attenzione ecclesiale le problematiche emergenti. Si passa, così, dal tema delicato della ministerialità e del problema dell’assenza dell’eucaristia nelle comunità di tutta l’area panamazzonica, ai problemi di ampio spessore sociale che riguardano la situazione dei popoli indigeni e la questione ecologica.

(autore: Paolo Cugini)

Indice del n. 46 (2/2019)