A partire dalla caratterizzazione pastorale della Gaudium et spes l’articolo si propone di comprenderne l’articolazione al fine di riflettere soprattutto sulla seconda sezione della costituzione. Da un lato approfondisce le dimensioni teologiche sottese al rapporto Chiesa/mondo così come giungono a maturazione nel testo superando sia una logica dell’opposizione (aut aut), sia una logica della giustapposizione (et et) e preferendo invece sottolineare la dimensione della immanenza (in in). Proprio a partire dal rinnovato rapporto tra Chiesa/mondo e stabilita l’autonomia delle realtà temporali e il ruolo che in essa hanno i cristiani, l’articolo poi si rivolge a due delle questioni urgenti che sono proposte dalla GS: la vita politica e la pace. Se ne ripercorrono le novità collocandole nel contesto storico e culturale del tempo e nella conclusione si prova a intuire percorsi possibili per identificare anche oggi quali sono le questioni particolarmente urgenti.

(autore: Ilaria Vellani)

Indice del n. 38 (II/2015)