L’articolo presenta una riflessione sullo statuto epistemologico della teologia dell’evangelizzazione. Essa è anzitutto riflessione sulla fede nell’atto del suo annunciarsi e sui contenuti dell’annuncio, ma anche sui soggetti individuali e collettivi coinvolti nella comunicazione della fede. Per questo suo carattere relazionale, la teologia dell’evangelizzazione è stata elaborata dai docenti e dai ricercatori della Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna come un sapere aperto e in relazione con gli altri saperi teologici, in particolare con le scienze bibliche e con gli altri saperi che si occupano delle origini cristiane. Grazie a questa base esegetica e storica, essa coltiva un rapporto preferenziale con la riflessione sistematica della cristologia e della soteriologia, che convergono in una riflessione sulla presenza e l’azione dello Spirito Santo nell’atto ecclesiale dell’evangelizzazione. A differenza della teologia kerigmatica, la teologia dell’evangelizzazione supera la distinzione tra autore, destinatario e contesto dell’evangelizzazione e si muove nella consapevolezza che la verità abbia uno statuto di consensualità e sia il frutto di una ricerca convergente, condotta da soggetti differenti. La teologia dell’evangelizzazione può così entrare seriamente in dialogo con l’odierno contesto di pluralismo culturale e con i saperi sociali e comunicativi che lo interpretano e lo rielaborano. Ciò non toglie che essa conservi un rapporto decisivo con la filosofia, a cui riconosce la funzione di «crocevia antropologico», cioè di luogo culturale in cui progettare e verificare il dialogo tra i saperi sociali e comunicativi che lo interpretano e lo rielaborano. Ciò non toglie che essa conservi un rapporto decisivo con la filosofia, a cui riconosce la funzione di «crocevia antropologico», cioè di luogo culturale in cui progettare e verificare il dialogo tra i saperi e prendere una posizione decisa in favore dell’umano, in polemica con le tesi decostruzioniste di fine Novecento che teorizzano la crisi dell’uomo e della soggettività.

(Autore: Paolo Boschini)

Indice del n.19 (I/2006)