SUN Xuyi 孙旭义 (diocesi di Yixian in Cina)

La ragione umana nell’evangelizzazione della Cina. Il vero significato di Signore del Cielo (天主实义) di P. Matteo Ricci SJ

 

Primo relatore: CASTELLUCCI Erio – Secondo relatore: CRIVELLER Gianni
Difesa: 16 dicembre 2014 – Qualifica: magna cum laude

 

La dissertazione ha svolto una riflessione sistematica sull’opera Il vero significato di «Signore del Cielo» (天主实义 Tianzhu shiyi) di p. Matteo Ricci sj, fornendo una chiave interpretativa per giustificare la valutazione del cosiddetto «Catechismo ricciano» come un capolavoro – non solo della catechesi missionaria, ma della letteratura teologica universale.

Consapevole che la fede parla alla ragione, partecipazione del Logos divino e quindi creata per accogliere la verità, nel Catechismo il gesuita maceratese espose ai letterati cinesi ciò che «dava ragione delle cose della nostra santa fede»: dimostrando che attraverso la ragione sapienziale tutti gli uomini possono giungere alla conoscenza del Dio unico e personale, dell’immortalità dell’anima, della retribuzione del bene e del male, e di tutte le altre verità che sono premesse della fede.
Nei primi due capitoli della dissertazione, la storia missionaria della Chiesa in Cina è stata esposta sinteticamente in riferimento all’operato di Ricci; è stato anche affrontato il problema dei termini filosofici e teologici da lui usati per introdurre il cristianesimo in Cina, presentando poi una breve struttura del Catechismo. Nei capitoli successivi sono stati analizzati i contenuti teologici dell’opera: che Ricci organizzò ed espose nella prospettiva della Summa Theologiae, rispettando al tempo stesso tutti i valori positivi della civiltà cinese nella sua originalità di pensiero, di espressione linguistica e letteraria, di tradizioni e di costumi.
Nell’ultimo capitolo è stato presentato lo sviluppo della teologia cinese in relazione alla catechesi ricciana, illustrando le figure di quattro illustri convertiti: i cosiddetti «pilastri» della nascente Chiesa in Cina. Essi non solo sostennero le opere dell’evangelizzazione nel loro Paese, difendendola dagli attacchi dei nemici e da pericoli di ogni genere; ma anche contribuirono in modo originale all’integrazione tra cultura cinese e fede cristiana.

Indice del n. 37 (I/2015)