NAYETON André (diocesi di Porto-Novo – Bénin)

Le progrès dans le désir de Dieu: analyse rhétorique de quelques Sermons sur le Cantique des Cantiques de saint Bernard de Clairvaux

 

Primo relatore: MANDREOLI Fabrizio – Secondo relatore: GIANOTTI Daniele
Difesa: 8 gennaio 2014 – Qualifica: magna cum laude

 

La presente dissertazione affronta una questione di grande rilievo per la riflessione teologica: il rapporto tra la dimensione letteraria del testo e l’intenzione dell’autore che l’ha redatto. Una prospettiva sintetica su tali questioni, attraverso i Sermoni sul Cantico dei Cantici di san Bernardo, consente di prendere coscienza dell’influsso dello stile sulla riflessione teologica: si tratta di una tensione, vivamente percepita nell’esperienza spirituale, tra l’inclinazione al peccato e l’aspirazione a Dio.

L’attenta analisi del genere letterario, utilizzato in alcuni Sermoni, permette di cogliere le dimensioni del ruolo svolto dal desiderio di Dio nel cammino della conversione cristiana e la sensibilità che il mondo cistercense medievale ha costantemente mostrato nei confronti degli itinerari che caratterizzano lo sviluppo della vita spirituale. La tecnica della dispositio, che la retorica contiene in sé, rende proprio conto di una disposizione ovvero di una conversione progressiva.
Lo studio è stato strutturato in tre capitoli, ognuno dei quali è una presentazione del nesso fra la retorica individuata nei Sermoni sul Cantico dei Cantici e la conversione che essa descrive:
1. la retorica, una tecnica oratoria capace di «cambiare l’anima»;
2. l’espressione estetica della conversione attraverso la tecnica retorica della dispositio: analisi di alcuni Sermoni;
3. l’espressione retorica della conversione al Verbo: un itinerario progressivo di purificazione verso la contemplazione del Verbo.
Se da una parte il pensiero di Bernardo, in questo studio, si esprime in stile diverso da quello speculativo, dall’altra esso mostra una sua logica interna molto forte e ricca che può influire sulla riflessione teologica contemporanea in vari ambiti. Nella cultura dell’Africa sub sahariana – dove la letteratura orale si presenta con dei generi letterari molto diffusi come miti, favole, e proverbi –queste modalità espressive possono rappresentare un metodo capace di facilitare l’annuncio del vangelo e di presentare la vita cristiana in modo fortemente attraente.

Indice del n. 35 (I/2014)