«La morale, senza essere secondaria, è seconda»: questa affermazione fa da filo conduttore dell’intera riflessione del documento Bibbia e morale. Prima, cioè, vengono le iniziative-dono di Dio (ne sono descritte cinque), da ciascuna poi deriva un conseguente comportamento morale. La seconda parte prende in considerazione i problemi morali contemporanei e si domanda come possa essere pertinente la sacra Scrittura in riferimento ai problemi del nostro tempo tanto nuovi e distanti dal testo sacro. In risposta, si constata come nella sacra Scrittura non ci siano soluzioni già pronte. Ci sono, però, criteri metodologici in base ai quali la Chiesa, popolo di Dio nel mondo, può trovare la soluzione ai problemi antichi e nuovi nei diversi ambiti dell’agire cristiano. Tra gli otto criteri metodologici, si è scelto quello della contrapposizione ai disvalori sociali particolarmente pertinente per elaborare oggi una morale sociale critica e propositiva.

(autore: Luigi Lorenzetti)

Indice del n. 33 (I/2013)