Il presente saggio intende proporre delle piste in grado di aiutare a ricostruire come in Giuseppe Dossetti sia maturata la scelta di trasferire alcuni nuclei della Piccola famiglia dell’Annunziata in Medio oriente. Gli inizi di tale scelta, i suoi sviluppi modificatisi durante e a cavallo del periodo del Vaticano II per giungere alla conclusiva decisione. Si è tentato, seppur sommariamente, di analizzarne vari passaggi: dall’interesse per l’Oriente ortodosso, sia esso greco che russo, passando per l’opzione legata alla Terra Santa (e in quella i rapporti con Israele e l’islam) fino alla tensione verso l’Estremo oriente individuato in grandi paesi come la Cina e l’India. Il tentativo è quello di proporre la decisione dossettiana soprattutto come un atto di fede che rendesse piena e intensa la vita spirituale e religiosa della Piccola famiglia secondo anche i principi della Piccola Regola.

(autore: Luigi Giorgi)

Indice del n. 33 (I/2013)