L’articolo tratta del dialogo interdisciplinare tra scienza moderna e teologia, non solo distinguendo questi ambiti tra loro e rispetto alla filosofia, ma anche mostrando come scienza empirica, filosofia e teologia sviluppino una conoscenza rigorosa con procedimenti simili, pur restando diverso il loro oggetto formale. L’articolo anzitutto sgombra il campo da fraintendimenti che bloccano in partenza tale dialogo, riguardanti la storia del metodo scientifico (1) e i limiti epistemologici dell’empirismo (2); in seguito chiarisce il metodo delle scienze moderne, sia come conoscenza rigorosa tra altre (3), sia a partire dalle proprie peculiarità (4), e conclude con un parallelo metodologico con quelle altre forme di conoscenza rigorosa che sono la filosofia e la teologia (5).

(Autore: Daniele Moretto)

Indice del n.26 (II/2009)