In Cristo il nuovo umanesimo [377-390]

Stampa

L’intervento individua il nuovo umanesimo cristianamente inteso nella civiltà dell’amore proclamata da Paolo VI. Essa ha i suoi capisaldi anzitutto nell’accoglienza dell’amore gratuito e incondizionato del Padre che libera l’uomo dal bisogno di autogiustificazione e dalla pretesa del merito, non in senso deresponsabilizzante, ma provocatore dello stesso fuoco di amore divino; in secondo luogo nella chiamata a farsi prossimo al fratello alla maniera del buon samaritano e a vivere la regola d’oro del «tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo loro»; infine nella realizzazione di un amore capace di toccare non solo i rapporti immediati e personali, ma anche quelli mediati e complessi della vita politica economica e sociale.

(autore: Luciano Monari) 

Indice del n. 36 (II/2014)