La divina rivelazione e la sua trasmissione. Linee di ricezione teologica della Dei Verbum [7-30]

Stampa

La costituzione dogmatica DV, promulgata il 18 novembre 1965, ha avuto un percorso di elaborazione complesso. Alcuni nodi fondamentali di carattere dottrinale, metodologico e storico sono stati affrontati e «risolti» grazie a una rinnovata visione della rivelazione che ha permesso al concilio di comprendere meglio anche la questione pastorale. A quarantacinque anni di distanza, si può affermare che il processo di ricezione della DV ha portato frutti e acquisizioni importanti nella vita della Chiesa e, contemporaneamente, ha mostrato l'esigenza di «applicare con maggiore cura i principi che la stessa DV ha indicato con esaustività e chiarezza». Pur all'interno dello schema globale della DV, emerge pertanto la necessità di una ripresa teologica dei concetti di rivelazione e di Tradizione/trasmissione letti in un contesto sociale e culturale mutato. L'articolo individua nel percorso di alcuni teologi l'aprirsi di prospettive nuove di carattere storico, ecclesiologico ed ermeneutico.

(Autore: Pier Luigi Cabri)

Indice del numero 27 (I/2010)